RaffaeleGi

RaffaeleGi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il 27 settembre 2019 torna la Notte Europea dei Ricercatori

BEES2019 I cittadini diventano scienziati

Il grande evento organizzato da Frascati Scienza compirà 14 anni e avrà l’ambizioso obiettivo di avvicinare ricercatori e cittadini di ogni età

#BEES #MSCAction

Saranno i citizen scientist il motore della nuova edizione della Notte Europea dei Ricercatori organizzata da Frascati Scienza, perché dalla collaborazione tra ricercatori e cittadini possono arrivare nuovi spunti per cercare soluzioni ai grandi problemi della società. 

L’edizione 2019 della Notte Europea dei Ricercatori prosegue e conclude il percorso intrapreso lo scorso anno con BEES, Be a citizEn Scientist, il tema lanciato da Frascati Scienza per incoraggiare la partecipazione dei cittadini nella ricerca scientifica. La Notte Europea dei Ricercatori in programma il 27 settembre in centinaia di città di tutto il continente sarà l’evento di punta della Settimana della Scienza 2019, dal 21 al 28 settembre, una sette giorni ricca di iniziative di divulgazione scientifica. Esperimenti interattivi, visite ai laboratori, incontri con ricercatori, conferenze, giochi, spettacoli, aperitivi scientifici e molto altro saranno la chiave per avvicinarsi e conoscere il mondo della ricerca e i ricercatori, persone ordinarie con un lavoro straordinario.

Il coinvolgimento dei cittadini nel dare un contributo alla ricerca scientifica ha una doppia valenza, in campo educativo e per rafforzare il legame scienza-società. Un concetto che vuole essere riassunto nel nome della Notte Europea dei Ricercatori 2019, intitolata BEES, che prende spunto dalle api e dalla loro organizzazione. Negli alveari, come in tutte le società complesse, il contributo di ogni componente è fondamentale per il benessere della collettività.

Frascati Scienza, oltre a coordinare tutte le attività di Roma e dell’area tuscolana, zona della Regione Lazio che presenta molte delle infrastrutture di ricerca più importanti d’Italia e d’Europa, sarà presente con la Notte Europea dei Ricercatori in contemporanea in moltissime città da nord a sud della Penisola, isole comprese. La Notte Europea dei Ricercatori è un progetto promosso dalla Commissione Europea nell’ambito delle azioni Marie Skłodowska–Curie.

Per informazioni www.frascatiscienza.it

 

E' on line low music, nuovo contenitore di recensioni di nuove uscite musicali, interviste e live report di artisti emergenti

È on line www.lowmusic.it, un contenitore di recensioni di nuove uscite musicali, interviste, live report di artisti e gruppi emergenti.

Il sito è  uno spazio dedicato a tutti gli appassionati di musica (dal pop al rock, dall’elettronica al metal, dal folk al cantautorato, dai nuovi talenti emergenti ai grandi artisti che hanno lasciato un segno profondo nella musica) che vogliono restare sempre aggiornati sulle nuove uscite discografiche.

Low Music nasce dalla sezione musica di Vivalowcost, il portale dedicato al low cost che, in otto anni ha accolto più di 1200 articoli e tante belle collaborazioni con uffici stampa, agenzie, booking ed etichette.

Per dare il giusto risalto a tutti i dischi che vengono segnalati su Low Music, sono state create cinque sezioni:

  • recensioni dischi: le ultime novità discografiche vengono raccontate fornendo i dettagli utili per “entrare” virtualmente nel disco.
  • recensioni concerti: i live report dei concerti con relative photogallery  utili a restituire le emozioni vissute durante un evento dal vivo.
  • recensioni libri: vengono recensiti i libri che si occupano del mondo della musica.
  • interviste: le novità discografiche raccontate dalle vive parole degli artisti che regalano aneddoti e curiosità sulle loro creature sonore.
  • news: le notizie dei dischi in uscita, annunci di nuovi tour e nuovi festival è tutto quanto può interessare gli appassionati di musica.

Per l’invio di comunicato stampa, È possibile contattare Low Music per l'invio di comunicati stampa alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il tag canonical: che cos'è e come utilizzarlo su Joomla

Se siete arrivati su questa pagina probabilmente sapete già che cos'è il tag rel=canonical e la sua importanza in ottica SEO. Nei prossimi paragrafi vi spiegherò come specificare per ogni singolo articolo il suo canonical. 

Prima però vi offro una veloce infarinatura su cosa è il tag rel=canonical e come deve essere utilizzato.

Per spiegare cosa è il rel=canonical bisogna capire che cos'è una pagina canonica

Google dice:

Se sul tuo sito è presente una singola pagina accessibile da più URL o sono presenti diverse pagine con contenuti simili (ad esempio, una pagina con una versione per dispositivi mobili e una per computer desktop), per Google è come se fossero presenti versioni duplicate della stessa pagina. Google sceglie un unico URL come versione canonica ed esegue la scansione su questo, mentre tutti gli altri URL vengono considerati URL duplicati e vengono sottoposti a scansione con minore frequenza.

Se non indichi espressamente l'URL canonico, Google ne sceglierà uno al posto tuo o li considererà entrambi dello stesso peso, con possibili comportamenti indesiderati, come spiegato nella sezione che segue Perché dovrei scegliere un URL canonico? (fonte https://support.google.com/webmasters/answer/139066?hl=it)


Che vuol dire? Facciamo un esempio prendendo in considerazione queste due pagine che atterrano sulla stessa scheda "nome-prodotto"

http://www.sito.com/nome-categoria/nome-prodotto/
http://www.sito.com/prodotti-in-sconto/nome-prodotto/

Nonostante i due link rappresentino la stessa pagina, le due pagine risultano differenti agli spider di Google. Questo genera una duplicazione del contenuto. E allora che cosa è una pagina canonica? La pagina canonica è la versione che mi piace chiamare “vera” di un contenuto all’interno di sito web. E nel nostro esempio la pagina canonica è il primo link; il secondo infatti non è altro che una duplicazione del primo.

Specificare le pagine canoniche attraverso il tag rel "canonical"

Per evitare di indicizzare contenuti duplicati, Google ha messo in atto il processo di canonizzazione degli URL. Attraverso il tag canonical diamo al motore di ricerca la possibilità di scegliere ad esempio quale sia la home page di un sito web.

Teoricamente è tutto abbastanza semplice, ma come si procede?

Per definire la pagina canonica in modo che sia comprensibile ai motori di ricerca basta aggiungere un elemento <link> che contenga il rel=canonical e l’href dell’url da segnalare come primaria all’interno dei tag <head></head> della tua pagina web. Ecco il tag da implementare nel secondo link:

link rel="canonical" href="http://www.sito.com/nome-categoria/nome-prodotto/

Come si applica il tag canonical su Joomla

Ovviamente su extensions.joomla.com ci sono decine di plugin che "canonizzano" automaticamente. Questi plugin danno a Google la capacità di scegliere tra url principali e url duplicati, nel caso per esempio di categorie/sottocategorie e paginazioni.

Io però avevo bisogno di canonizzare gli articoli uno per uno...

Sul forum di Joomla ho trovato il modo di fare un override del template e inserire manualmente il link canonico per ogni articolo pubblicato. L'override permette di sostituire il campo "External Reference" che si trova in articoli-->nuovo-->pubblicazione-->Referenza Esterna

Poi ho trovato un fantastico plugin di Daniel Morell https://www.danielmorell.com/tools/joomla/custom-canonical/documentation/adding-canonical-tags che, una volta installato, aggiunge il campo "Canonical URL" nel campo Pubblicazione. Proprio quello che cercavo :)

Pensate a quanto può essere comodo questo plugin nel caso dobbiate creare un sito ex novo nato dalla categoria di un vostro vecchio sito che è ancora on line. Basta copiare i contenuti vecchi sul nuovo sito e specificare su ogni singolo articolo che il link canonico si trova sul vecchio sito. In questo modo il nuovo sito non partirebbe con una penalizzazione più che certa di Google.

Buon lavoro

Risolto bug nel modulo di ricerca di Joomla

Da qualche tempo su un sito sviluppato in Joomla si presentava un fastidioso bug nel modulo di ricerca. I risultati di qualsiasi ricerca fatta all'interno del modulo (es. keyword) producevano come risultato <span class="highlight">keyword</span>. Niente di grave ma sicuramente da correggere.

Vi posto la soluzione che ho trovato su GitHub e che ha funzionato alla grande:

Navigate fino alla cartella default_results.php presente in:

templates/Your_template/html/com_search/search/default_results.php

Aprite il file e cercate il codice

Schermata_2018-07-21_alle_17.50.13.png

e sostituitelo con:

Schermata_2018-07-21_alle_17.50.21.png

 

That's all

#ERN18, BE a citizEn Scientist: la scienza è partecipata

Il 28 settembre 2018 torna la Notte Europea dei Ricercatori organizzata da Frascati Scienza, il grande evento che porta la scienza nelle strade della città, tra cittadini, giovani e studenti

ERN2018-BE-a-citizEn-Scientist-la-scienza-è-partecipata-768x511.jpg 

A settembre torna la tredicesima edizione della Notte Europea dei Ricercatori coordinata da Frascati Scienza. L'associazione, impegnata da anni nella diffusione della cultura scientifica, si è aggiudicata ancora una volta il bando della Commissione Europea Horizon 2020 nell'ambito delle azioni Marie Skłodowska-Curie. La manifestazione in questa edizione vuole incoraggiare ancor di più la partecipazione dei cittadini nella ricerca scientifica.

BE a citizEn Scientist. Diventa un cittadino scienziato, abbreviato in BEES, è il tema lanciato da Frascati Scienza per il nuovo biennio. Si prende spunto proprio dalle api e dalla loro organizzazione, dove il contributo fornito da ogni componente è importante per il benessere della collettività.

Così il tema di quest'anno vuole sottolineare le incredibili possibilità che la scienza può concretizzare attraverso la collaborazione tra ricercatori e cittadini, fautori di scoperte scientifiche di cui tutti possono godere e sentirsi reali protagonisti, in un processo di condivisione di un bene comune, qual è la ricerca.

I cittadini, in particolare i più giovani e gli studenti, verranno coinvolti nella raccolta e nell’utilizzo dei dati scientifici, acquisendo nuove conoscenze in diversi ambiti e discipline. Per il 2018, l’iniziativa si inserisce nell’ambito delle celebrazioni dell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale, valorizzando i luoghi della cultura e, in particolare, quella scientifica, importante patrimonio della collettività.

Come da tradizione, sarà l'ultima settimana di settembre, dal 22 al 29, che culminerà venerdì 28 con la Notte Europea dei Ricercatori 2018, interamente dedicata a esperimenti hands-on, incontri con i ricercatori, conferenze a tema, presentazioni di libri, quiz, aperitivi scientifici e molto altro ancora. Un modo per avvicinarsi e conoscere il mondo della ricerca e i ricercatori, persone ordinarie con un lavoro straordinario.

Frascati Scienza, oltre a coordinare tutte le attività dell’area tuscolana, zona della Regione Lazio che presenta molte delle infrastrutture di ricerca più importanti d’Italia e d’Europa, sarà presente con la Notte Europea dei Ricercatori in contemporanea in moltissime città da nord a sud della Penisola, isole comprese.

La Notte Europea dei Ricercatori è un progetto promosso dalla Commissione Europea.

“Una rinnovata conferma, da parte della Commissione Europea, al valore del progetto nato in un territorio a forte vocazione scientifica”, così Roberto Mastrosanti, neo presidente dell’Associazione Frascati Scienza. “È importante che si lavori per un coinvolgimento sempre maggiore delle istituzioni e degli enti del territorio, certi della comunità di intenti di tutti i soggetti presenti - continua il presidente e sindaco di Frascati - l’attività che svolge Frascati Scienza da ormai 12 anni, rappresenta un importante volano di sviluppo della cultura scientifica per tutto il territorio”.

Il progetto coordinato da Frascati Scienza è realizzato con il supporto della Regione Lazio, del Comune di Frascati e dell'Ente Parco Regionale Appia Antica. Come in ogni edizione, saranno coinvolti moltissimi partner tra enti istituzionali, associazioni e aziende. Sono già circa 60 le partnership attive: Comune di ARICCIA-Ufficio Statistica, Consortium GARR, ESA-ESRIN, Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi (ICBSA), Istituto Dermatologico San Gallicano (ISG) e Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE), Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), Istituto Superiore di Sanità, Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani", Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Parco Archeologico di Pompei - Laboratorio di ricerche applicate, Centro Studi sull'Intelligence, Scienze Strategiche e della Sicurezza (U.N.I.), RES (REte di Scuole) - Castelli Romani, SAPIENZA Università di Roma - Dipartimento di Management, Sissa Medialab - Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati - Trieste, UNITELMA SAPIENZA, Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Università degli Studi di Sassari e Dipartimento Architettura Design e Urbanistica, Università LUMSA, Università degli Studi di Roma TOR VERGATA - Centro di Studi Giuridici Latinoamericani (CSGLA) - Dipartimento di Biologia e Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società, UNIVERSITÀ ROMA TRE - Dipartimenti di Scienze, Matematica e Fisica, Ingegneria, Accatagliato, ARTE e SCIENZA, Associazione AGET, Associazione italiana degli Infermieri di Camera Operatoria - AICO Italia, ASTRONOMITALY, B:kind | Science & Co., Fondazione E. Amaldi, Fondazione GAL HASSIN, Fondazione Universitaria INUIT-Tor Vergata, G.Eco, GEA S.C.a r.l., IL REFUSO – Giornalisti Nell'erba, INSPIRE, K-production A.S.D., L.U.D.I.S., Matita Entertainment, MindSharing.tech APS, MULTIVERSI, Museo dei Bambini di Roma – EXPLORA, Gruppo Astrofili Monti Lepini, PARIMPARI ONLUS, SCIENZA DIVERTENTE- Roma e Verona, Scienzimpresa, Speakscience, Tecnoscienza.it, TOSCIENCE, Unione Astrofili Italiani, Algares, Algaria srl, FVA New Media Research, Moveo Walks, Inc., Sotacarbo - Società Tecnologie Avanzate Carbone SpA, Osservatorio Malattie Rare, PRO LOCO di Frascati.

The European Researchers’ Night project is funded by the European Commission under the Marie Skłodowska-Curie actions (Project N° 818728).

www.frascatiscienza.it

 

 

Subscribe to this RSS feed

Sign up to keep in touch!

Se mi lasci la tua mail ti invierò comunicati stampa inerenti alla mia attività


Ovviamente puoi cancellarti quando lo ritieni opportuno