Come si scoprono le parole chiave nascoste dietro il "not provided" di Analytics?

Come si scoprono le parole chiave nascoste dietro il "not provided" di Analytics?

  • Blog
  • Letto 1753 volte

Da circa un anno nell’analisi delle parole chiave su Analytics è comparso un parametro che dice tutto e non dice niente: not provided. Ma che è?

Il not provided corrisponde a tutte le frasi chiave non monitorabili, provenienti dalle visite fatte da utenti loggati ad un qualsiasi prodotto Google. Se in passato era possibile vedere tutti i termini di ricerca che i visitatori avevano usato per trovare il vostro sito web, dallo scorso anno non lo è più. Google ha infatti deciso di crittografare tutti i clic in uscita dai risultati di ricerca effettuati da utenti loggati in uno qualsiasi dei servizi web di Google (Gmail, YouTube, Google Plus, Google Maps, e altro).

Morale della favola, il dato not provided raggiunge in alcuni casi l’80% dei risultati e il numero, sicuramente, tenderà ad aumentare fino alla valore massimo.

Come sopperire a tale mancanza? Io personalmente utilizzo due trucchetti che risolvono in parte (e con molta fantasia) il problema.

Google Web Master Tools

Il servizio fornisce diversi dati utili, come la percentuale di impression per alcune frasi chiave, i click effettuati su queste frasi, la percentuale di click e le posizioni medie nei risultati di ricerca per ogni ricerca. Al contrario di Analytics, lo strumento per Web Master conserva lo storico per soli 3 mesi.

Utilizzare i filtri di Analytics

In questo modo non misureremo più le performance delle singole frasi chiave ma quelle delle pagine di atterraggio, analizzando le intenzioni di ricerca degli utenti.

Ecco come impostare il filtro:

Entrare in Amministrazione / Profili / Filtri e cliccare su Nuovo filtro.
Chiamare il nuovo filtro NP Rewrite, riscriverà i risultati (not provided). (Praticamente per ogni visita (not provided), verrà trascritto l’URL di destinazione al posto di (not provided). In questo modo continueremo a non conoscere i termini di ricerca, ma sapremo almeno qual’è la pagina di destinazione e quindi ci faremo un’idea di massima dei termini ricercati).
Cliccare quindi sul radio button Filtro personalizzato / Avanzato e inserire nei campi i seguenti valori:
Termine della campagna: (.not provided.)
URl della richiesta: (.*)
Termine della campagna: np – $B1

Schermata 2014-11-05 alle 14.57.50

E voi, che metodo utilizzate?

{facebookpopup}

Contattami


contattami.png

Sign up to keep in touch!

Se mi lasci la tua mail ti invierò comunicati stampa inerenti alla mia attività


Ovviamente puoi cancellarti quando lo ritieni opportuno