Che cos’è il clickbait (e perchè è meglio evitarlo)

Che cos’è il clickbait (e perchè è meglio evitarlo)

  • Blog
  • Letto 4593 volte

Titoli sensazionalistici e sommari da far girare la testa a un vecchio giornalista, mezze frasi che non dicono niente ma fanno immaginare tutt’altro, beceri siti di informazione (o presunti tali) a caccia di click sui banner pubblicitari. Signore e signori, ecco a voi il peggio del web: il clickbait.

Ne subiamo l’influsso ormai da qualche anno e con l’avvento dei social network alzi la mano chi non ha mai cliccato a un’esca cattura click:

«Non immaginerai mai cosa ha fatto questa donna!», «Ecco il video che ha commosso il web!», «Incredibile! ecco cosa è stato scoperto!», «È incredibile cosa è capitato a quest’uomo»

Queste frasi sono solo alcuni esempi di quelli che, nel gergo di internet, vengono chiamati clickbait, letteralmente “clik esca”.

Il clickbait è diventato particolarmente diffuso con l’avvento dei social media (Facebook in primis). La possiamo considerare a tutti gli effetti una strategia di marketing, in un mondo dove gli innumerevoli siti, quotidiani online, blog devono competere per conquistare l’attenzione di chi legge. Certo, marketing becero e nemmeno paragonabile alla marchetta più squallida, ma è pur sempre marketing.

Il clickbait fa affidamento sulle emozioni quali ad esempio tristezza e soprattutto rabbia. L’umorismo, l’emozione, la sorpresa sono stati d’animo che la tecnica sfrutta per raggiungere il suo scopo. Il motivo? Elementare, Watson. Più visite = Più guadagno dai banner.

 

La domanda è: secondo voi a chi si riferisce l’articolo? Nessun nome, ma una foto vale più di mille parole: Michael Schumacher in primo piano. È morto Michael Schumacher? No, a morire è stato l’uomo in secondo piano, Jules Bianchi, ma usare Schumacher in primo piano ha di fatto invitato gli utenti a cliccare e leggere l’articolo.

 

 

L’articolo in questione parla del pesce palla maculato (che è effettivamente nocivo). E allora perchè nel post su Facebook viene pubblicata la foto di un’orata al forno?

 

Ancora più grave quando dei titoloni ad effetto spingono l’utente medio a leggere articoli palesemente falsi e a spesso anche razzisti. E poiché questa tecnica di marketing fa affidamento sulle emozioni quali la tristezza e la rabbia degli utenti, un post può venire condiviso da molte migliaia di persone in poche ore. Il giro di affari in questi casi è veramente notevole. Con dei banner posizionati in posizioni strategiche si può guadagnare diverse centinaia di euro al giorno. Lo sapevate vero?

Perché è meglio evitare di fare clickbait?

Anche se a qualcuno può sembrare strano, anche il web ha una sua etica. Spingere un utente medio (e anche un po’ fesso sia chiaro) a cliccare su una news che è quasi sempre spazzatura non è etico. Io lo paragonerei a una piccola TRUFFA.

Per fortuna, gli algoritmi utilizzati dai vari motori di ricerca vengono sempre più indirizzati per premiare contenuti che sono condivisi. È del mese scorso la notizia che Facebook con una modifica del suo algoritmo combatterà questi post semplicemente NASCONDENDOLI (fonte StartupItalia)

Ho racchiuso questo articolo e molti altri in un ebook dal titolo . L'ebook spiega la sostanziale differenza tra la scrittura tradizionale e quella sul web e affronta le tematiche fondamentali per un buon posizionamento di un sito sul web. Per scaricare l'ebook clicca qui

Contattami


contattami.png

Sign up to keep in touch!

Se mi lasci la tua mail ti invierò comunicati stampa inerenti alla mia attività


Ovviamente puoi cancellarti quando lo ritieni opportuno